Agosto 2015

Rinnovo del Contratto

Proposte per il rinnovo del contratto

Salario:

salarioRecuperare l'autorità salariale del Ccnl, nella tutela e nell'incremento del potere di acquisto, riducendo gli spazi di  erogazione unilaterale delle imprese e agendo su più istituti economici: sui minimi salariali avendo anche a riferimento precedenti conclusioni contrattuali, su elementi retributivi legati alla professionalità, sull'elemento perequativo per chi non fa la contrattazione aziendale.

Rinnovo del Contratto

Riduzione orario lavoro, Redistribuzione lavoro

Il Contratto si fa con l'unità dei lavoratori.
L'unità si fa con la Democrazia

Più democrazia, occupazione e salario. Nuovi diritti e tutele per tutti Su questi temi e proposte la Fiom avvierà a settembre una consultazione straordinaria in tutti i luoghi di lavoro, per varare la piattaforma da sottoporre al voto vincolante e certificato delle lavoratrici e di lavoratori.

Bonus bebè 2015 - 2017

Per ogni figli nato o adottato dal 2015 al 2017.

A chi Spetta.

  • Genitore o affidatario, cittadino italiano o di Stato dell’U .E. . Per i cittadini di Stati e x tra UE è r i- chiesto il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo. Per i citt a dini di Stati e x- tra UE in possesso del permesso di soggiorno normale è opportuno rivolgersi allo spo r tello di Segretariato Sociale Cgil per verificare la possibilità di presentare comunque d o manda.

Requisiti.

Maternità e paternità

family sculture da wikipedia

Decreto Legislativo n. 80 del 15/06/2015  (G.U. n. 144 del 24/06/2015)  Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell’art. 1 comma 8 e 9 della legge n. 183 del 10/12/2014. In attesa circolare interpretativa Inps. Note filt cgil veneto aggiornate al 10 luglio 2015.

Diritti senza frontiere

anjali gopalan immagine wikipedia

Guida pratica per delegate e delegati sindacali.

logo fiom nazionale        logo inca

La guida è stata realizzata da
Area Immigrazione Inca Nazionale e
Ufficio studi della Fiom Nazionale.
Ultimo aggiornamento Maggio 2015.

Premessa

Dopo sette anni dall’uscita del libro “Migranti metalmeccanici. Diritti, contrattazione, democrazia”, pubblicato nella collana “Materiali per i delegati”, abbiamo deciso di pubblicare questa guida, aggiornata rispetto alle normative attuali.

L’ingresso in Italia

Per entrare in Italia, uno straniero extracomunitario deve essere in possesso del visto d’ingresso, che viene rilasciato dall’Ambasciata italiana del Paese di provenienza.
Il visto d’ingresso è rilasciato per lo stesso motivo per cui lo straniero vuole entrare nel Paese.
In alcuni casi il visto è rilasciato a seguito di un nulla osta (autorizzazione) che è concesso dallo Sportello Unico per l’Immigrazione della Prefettura in Italia: ad esempio per gli ingressi per lavoro o per ricongiungimento familiare.

La protezione internazionale

Se sei fuggito dal tuo Paese a causa di persecuzioni (per motivi politici, religiosi, sessuali o razziali) o perché c’è una guerra, hai diritto a chiedere asilo politico/protezione internazionale, anche se sei arrivato in Italia irregolarmente.
Puoi chiedere asilo direttamente alla Polizia di Frontiera appena entri in Italia. Se, invece, già ti trovi nel territorio italiano, entro 8 giorni dal tuo arrivo puoi andare in Questura, dove ti daranno un appuntamento per presentare la tua richiesta di Asilo.