top of page

STMicroelectronics, sottoscritto il Contratto integrativo nazionale. Importanti novità



Questa notte è stato sottoscritto l'accordo integrativo nazionale di STMicroelectronics, la multinazionale della microelettronica che ha siti in tutta Italia tra i quali Agrate Brianza, Catania e Cornaredo.


Si tratta di un accordo che ha al centro il salario, la stabilizzazione dei lavoratori precari, la riduzione dell’orario di lavoro per alcune tipologie di lavoratori ed anche le politiche industriali e gli investimenti. “È a mio avviso un ottimo accordo di grande qualità – dichiara con soddisfazione Pietro Occhiuto, Segretario Generale della Fiom Cgil Brianza – è stata una trattativa lunga, complicata e per niente scontata. I risultati raggiunti ripagano gli sforzi fatti dai delegati del Coordinamento nazionale che, in larghissima maggioranza, avevano sostenuto la Piattaforma rivendicativa”.


I punti principali dell’accordo sottoscritto sono:

  • Innalzato il massimale del Premio di risultato che dagli attuali 3.000 € arriverà a regime, nel 2026, a 5.500 € (4.500 € nel 2024, 5.000 nel 2025, 5.500 € nel 2026);

  • In aggiunta si è reso strutturale una parte del premio pari a 1.000 € che verrà erogato in due tranches, la prima di 500 € a partire dal primo Gennaio 2024 e la seconda di pari importo dal primo Gennaio 2025. Questi 1000 €, che non saranno assorbibili, saranno ripartiti nelle 13 mensilità ed avranno un’incidenza su tutti gli altri istituti contrattuali;

  • 700 € di Flexible Benefit riconosciuti con decorrenza Marzo 2024

  • È previsto un percorso di stabilizzazione dei lavoratori precari aprendo alla possibilità di assunzione dei cosiddetti carrellisti che oggi operano in St con forme di lavoro in somministrazione. È previsto anche che coloro che negli ultimi anni hanno lavorato come Summer Job possano entrare in un bacino dal quale attingere per future assunzioni;

  • In un’ottica di miglioramento delle condizioni di lavoro e per la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro è prevista la riduzione dell'orario di lavoro per i lavoratori turnisti che hanno più di 58 anni ed un miglioramento delle condizioni di coloro che lavorano su 14 turni ed anche per loro una riduzione dell'orario di lavoro;

  • Viene confermato il piano di sviluppo dei siti italiani. Viene rafforzata la missione manifatturiera dei siti di Agrate Brianza e Catania. In particolare per il sito brianzolo si concretizzerà il grande progetto della fabbrica avanzata con macchinari in grado di gestire fette di silicio da 300 mm. Continua il grande impulso allo sviluppo dei gestori della potenza (BCD avanzato) e si prefigura la possibilità produttiva di alcuni microcontrollori che attualmente sono tecnologie sviluppate nei siti francesi


Nei prossimi giorni verranno organizzate le assemblee per dare adeguate informazione dettagliata per i lavoratori e le lavoratrici, che saranno chiamati al referendum per validare l'ipotesi di accordo.


1.393 visualizzazioni0 commenti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page